• Twitter Classic
  • c-facebook
  • Pinterest App Icon
  • LinkedIn App Icon

..tra architettura, arte e design..  

Eleonora Pozzi_ Nata a Seregno (MI) nel 1981.

 

Dopo la laurea in Architettura al Politecnico di Milano nel 2006, apre uno studio a Seregno. Ha partecipato a diversi concorsi, dove nell’edizione del concorso “Young&Design 2008” riceve una menzione speciale con la poltroncina e il poggiapiedi Dalia. Partecipa al “Salone Satellite 2007, 2008 e 2009” con la pubblicazione dei suoi lavori su alcune delle testate più importanti. Insegna disegno tecnico (presso la scuola d’arte di Cabiate -CO) e ha partecipato come assistente al Corso di Laboratorio di Progettazione Architettonica 3 al Politecnico di Milano.

 

La sua attività si allarga al campo della pittura, dove sta conseguendo grandi consensi in Italia e all’estero. Tra le pubblicazioni nel campo artistico si ricorda l’intervista monografica sulla rivista “Barche” a cura di Franco Michienzi.

 

“La ricerca espressiva dell’artista prende il via da uno studio ossessivo della figura, del suo movimento e di come il segno a carboncino può sottolinearne l’andamento. Strada facendo Eleonora si allontana sempre più dalla necessità di rappresentare la forma e la carne, rendendo attuale e viva la sua pratica dell’arte attraverso uno studio incessante sulle potenzialità espressive dei materiali, divenendo essi stessi il "corpo della pittura". Le figure, i colori e le linee perdono gradualmente significato, acquistandone uno nuovo, sostituiti dal segno a carboncino e dalla materia, che può essere di qualsiasi genere: carta, cemento, sacchi di juta, sabbia, gesso, pietrisco e lamiera, introdotti e assimilati nello schema formale del quadro.

Più la forma si annulla, più la materia è forte, vitale, si coagula in alti spessori, si stratifica, rendendosi inseparabile da quei corpi femminili che paiono svanire, ridotti a segni e quasi irriconoscibili nelle loro posizioni e nella loro anatomia, ma visibili proprio grazie al segno stesso, quasi graffio su un muro, memoria di una preesistenza vitale e che costringe a uno sforzo, a una lettura in profondità”.

 

 

                        Mostre personali e collettive recenti:

 

2007 :            personale_ spazio espositivo_ Seveso

                        personale_ Amandla_ Cermenate 

                        personale_ Villa Traversi_ Meda

2008 :            personale_ spazio espositivo_ Seregno                       

2009 :            collettiva “La mostra degli asini”_ galleria la Cornice di Cantù

                        personale_”Segno e figura”_ Sala civica Radio_ Meda

                        collettiva_ fiera del Lusso, Villa Erba_ Como

2010 :            personale_ “X-Ray”_Sala Civica il Torchio_ Carimate

                        personale_ Art & Soul, Jary’s Lodge _ Lentate s/S

                        collettiva_ “Mangia le prugne”, Villa Erba, Como

                        collettiva_ “l’Arte in corte”, Seregno

2011 :            collettiva_ “l’Arte in corte”, Seregno

                        collettiva a tema_ “l’Immigrazione”, Sala civica Radio, Meda

                        Brian & Berry Milano 2011

                        collettiva_ per le vie di Seregno

2012:             personale_ “AmA”_ Sesto Calende

                        personale_ “Segno visibile”_ ex Chiesa San Francesco _ Como

                        collettiva “il Limite”_ Galleria Civica _ Monza

2013:             collettiva “ALATA -percorso arte e letteratura”_ Misinto

                        collettiva “MOVIMENTALMENTE”_ Villa Sartirana _ Giussano

                        collettiva inaugurazione Spazio Artex _ Seregno

                        personale “La figura nel segno”_ Curt dei Cagnat _ Macherio

                        collettiva “Temporary Art”, Sala Gran Guardia, Porto Ferraio

2015:             collettiva “Donne, arte e società”, a cura di Arianna Grava,                                 fondazione Rossini, Briosco

2015/2017   personale “Interni”_via Durini, Milano